Castel Sant’Angelo – Roma

Lazio

Storia

L’imperatore Romano Publio Elio Traiano Adriano iniziò a far costruire il castello nell’anno 125, con l’obiettivo di farne il suo mausoleo funebre. Il castello, poi noto come Mole Adriana, venne ultimato nel 139, un anno dopo la morte dell’imperatore.

Ma fu nell’anno 403, quando il primo imperatore romano d’occidente – Onorio – chiuse la struttura all’interno delle mura aureliane che il mausoleo iniziò a essere utilizzato come forte.

Nel XIII secolo papa Niccolò III fece costruire un passaggio protetto (noto anche come “passetto”) che collegava il castello alla basilica di San Pietro. Nei secoli successivi i papi utilizzarono Castel Sant’Angelo come luogo protetto dove rifugiarsi in caso di pericolo.

Il nome del castello deriva dalla credenza che nell’anno 590, mentre Roma era in preda a un’epidemia di peste, l’arcangelo Michele apparse in visione a papa Gregorio I (Gregorio Magno) mentre questi era in processione nei pressi della Mole Adriana. Nella visione del papa l’arcangelo rinfoderava la spada, cosa che venne interpretata come la prossima fine della calamità. Quando di lì a poco l’epidemia di peste effettivamente cessò, il popolo iniziò a chiamare la struttura Castel S. Angelo. La statua dell’arcangelo fu posta in cima al castello nel XIII secolo a ricordo dell’evento.

Lungotevere Castello 50
Roma 00193 RM IT
Get directions